domenica 30 aprile 2017

Maccheroni ricotta e melanzane



Aaah, che meraviglia questa pasta e la voglio "dedicare" se così si può dire ad una mia amica nonché coinquilina: Federica.

Perché direte voi? Perché una sera, lo ricordo benissimo, stavamo guardando la tv e mi disse di avere voglia di un piatto di maccheroni. 
Siccome so che il termine è utilizzato in modo libero e che talvolta è riferito alle tagliatelle, altre volte alla pasta corta utilizzata dagli americani per il mac&cheese, ho pensato bene di chiederle cosa intendesse lei per maccheroni.
Siamo andate su google e mi ha mostrato la foto ed io ho subito immaginato di volerli fare in questo modo.

Per 5 persone:
1 melanzana grande
Olio per friggere
Passata di pomodoro
Olio, sale, basilico e aglio
Ricotta salata
Parmigiano
Ricotta fresca
300g farina
150g acqua


Impastiamo la farina con l'acqua fino ad avere un impasto liscio, lasciamo riposare per un po coperto con pellicola.
Intanto laviamo le melanzane e tagliamo dei bastoncini sottili, scaldiamo l'olio e friggiamo.
In una padella rosoliamo l'aglio con olio, aggiungiamo il sugo di pomodoro e il basilico.
Una volta pronte scoliamo le melanzane e facciamole asciugare su della carta assorbente, saliamo e tuffiamo nel sugo.
Lasciamo insaporire tutto assieme ed il sugo è pronto, a questo punto conscentriamoci sulla pasta. 
Ricaviamo dei piccoli pezzi di pasta ed iniziamo ad assottigliarli fino ad ottenere tanti piccoli serpentelli. Utilizziamo i polpastrelli e facciamo attenzione a non mettere troppa farina sulla spianatoia altrimenti si fa troppa fatica a far scivolare la pasta.
Quanto sottili? Dipende dai vostri gusti, la pasta fresca rimane ben presente sotto i denti e per questo a me piace non troppo grossa (diciamo quanto il diametro di una cannuccia), ma dipende dai gusti.

Una volta finito di stendere la pasta tuffiamola in acqua bollente salata per qualche minuto, meglio assaggiare.

Mentre la pasta cuoce, in una ciotola mescolate la ricotta fresca, il parmigiano e la ricotta salata. Anche in questo caso per la quantità dipende dai vostri gusti. Assaggiate e perfezionate di volta in volta la crema, terminate a piacere con del pepe nero e del basilico tagliuzzato.
Una volta cotta calate la pasta e ripassatela nel sugo, fate amalgamare bene e componente il piatto come più vi piace: io ho messo alla base del piatto la ricotta e poi una forchetta di pasta; nulla toglie che la ricotta possa essere messa direttamente dentro il sugo però eh... 
Insomma, buon appetito, fatemi sapere che ve ne pare, e sappiate che anche Fede l'ha apprezzata e replicata ;)



Se ti è piaciuta la ricetta, vuoi darmi un consiglio, o vuoi solo salutarmi lascia un commento qui sotto.
E per essere sempre aggiornato seguimi sulla mia pagina facebook ---> Polpa di granchio

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per essere stato qua, mi farebbe molto piacere che tu lasciassi un segno del tuo passaggio, se ti va.